Extra
Formula abbonamento
La Buona Notizia
La Buona Notizia
Spazio scuola
Scarica dai link qui sotto i pdf delle guide ai libri di Valerio Bocci.

LE PARABOLE SPIEGATE AI RAGAZZI

Scarica tutta la guida

I DONI DELLO SPIRITO SANTO SPIEGATI AI RAGAZZI

Introduzione
DONI

LE BEATITUDINI SPIEGATE AI RAGAZZI

Introduzione
BEATITUDINI

10 COMANDAMENTI SPIEGATI AI RAGAZZI
10 COMANDAMENTI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE MEMORIE DELL'ORATORIO

Scarica tutta la guida
Guida Memorie

GUIDA ALLA LETTURA DI CHE RAGAZZI!

Scarica tutta la guida
Guida Che ragazzi
chiudi_box
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

...con Carlo Conti

Addio al congiuntivo (ma non è un dramma)

Tutelare il congiuntivo sembra impresa più ardua che salvare il soldato Ryan. Anzi, forse è già una battaglia persa. Ma non sembra il caso di disperarsi. Lo suggerisce Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca, uno che se ne intende.

Nel suo nuovo libro, Lezione di italiano. Grammatica, storia, buon uso (Mondadori) il celebre linguista annuncia che ormai prevale l’indicativo: “credevo che stesse”co diventa “credevo che stava”, “se mi avessi chiamato sarei venuto” è sostituito da “se mi chiamavi venivo”. Osserva il professore: «È la tendenza del parlato, non facciamone un dramma. Inglesi, spagnoli e francesi il congiuntivo l’hanno perso prima di noi».

Il purista è rassegnato e alza bandiera bianca? No davvero. Sabatini ci ricorda le parole del poeta Mario Luzi: «La lingua è dentro di te, tu sei tra le sue braccia». Vale a dire, l’italiano entra in noi dalla nascita e diventa lo strumento ineguagliabile per la nostra crescita culturale: educa i nostri pensieri e i nostri sentimenti, plasma la nostra visione del mondo. Insomma, la lingua siamo noi e per questo va rispettata. Evitando di assumere atteggiamenti aristocratici.

La mano bionica del liceale Andrei

Andrei Blindu, liceale diciassettenne dalla faccia pulita, ha vinto una gara nazionale di oratoria organizzata dal ministero dell’istruzione per la categoria “Tecnologia”. In 10 minuti, senza mai perdere il sorriso, ha spiegato con chiarezza la sua invenzione: una mano di legno realizzata con materiali di riciclo controllata da un software. «Ho scritto un algoritmo che la fa muovere − ha detto, come se fosse la cosa più semplice del mondo − ma presto ne farò un’altra comandata direttamente andal cervello».

Andrei è arrivato dalla Romania 13 anni fa, abita sul lago d’Iseo e frequenta il penultimo anno al liceo scientifico Decio Celeri di Lovere (Bergamo). Confida: «Credo di essere un ragazzo normale: studio, mi piacciono i libri gialli e i fumetti Marvel, gioco con i videogame, nuoto al lago e vado in bicicletta». Ha un’idea fissa: creare dispositivi controllati dal pensiero. Ecco perché l’estate scorsa si è chiuso nel garage di suo padre, un operaio, e ha ideato la mano bionica. «Sì − sorride ironico − proprio in un garage, come Steve Jobs, il mio mito. Ma è soltanto per caso, tutto il resto è un sogno».

CARLO CONTI RISPONDE

Perché infermiera sì e ingegnera no? Perché sarta sì e ministra no? Sarà per via delle parole nuove che suscitano sempre un po’ di sospetto, ma ho qualche difficoltà a usare il femminile di parole maschili che indicano una professione esercitata da uomini e donne. Tu che cosa ne pensi? Grazie e buon lavoro.
Luisa R. (Cuneo)

Cara Luisa, “parole nuove” mica tanto. Già nel 1825, e cioè più di novant’anni fa, l’abate Francesco d’Alberti di Villanova, nel suo Dizionario Universale Critico Enciclopedico della Lingua Italiana (in sei tomi) citava i seguenti termini: assessora, avvocata, deputata, ingegnera, medica, ministra, sindaca.

A me pare che la scelta in ultima analisi spetti alle donne: tocca a voi decidere come volete essere chiamate. Poi ci abitueremo. Anche “allunare” sembrava da fantascienza… ed era soltanto il 1969.

©Mondo Erre - Carlo Conti 


 
 
 
 
 
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10