Extra
Formula abbonamento
La Buona Notizia
La Buona Notizia
Spazio scuola
Scarica dai link qui sotto i pdf delle guide ai libri di Valerio Bocci.

LE PARABOLE SPIEGATE AI RAGAZZI

Scarica tutta la guida

I DONI DELLO SPIRITO SANTO SPIEGATI AI RAGAZZI

Introduzione
DONI

LE BEATITUDINI SPIEGATE AI RAGAZZI

Introduzione
BEATITUDINI

10 COMANDAMENTI SPIEGATI AI RAGAZZI
10 COMANDAMENTI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE MEMORIE DELL'ORATORIO

Scarica tutta la guida
Guida Memorie

GUIDA ALLA LETTURA DI CHE RAGAZZI!

Scarica tutta la guida
Guida Che ragazzi
chiudi_box
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 01 02 03 04 05 06 07 08 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10

Città pirata

60 minuti. Tanto è bastato all’umanità per devastare e distruggere la Terra con una terribile guerra, trasformandola in una landa desolata e inospitale. Qualcuno si è salvato ma, soprattutto, tutto è cambiato. A solcare i territori ora desertici del nostro pianeta ci sono gigantesche metropoli che si muovono su ruote e cingoli, le quali attaccano altre città più piccole per sottrarre risorse e catturare uomini da rendere schiavi.macchine

È questo l’apocalittico panorama in cui è ambientato Macchine Mortali, l’atteso film firmato dall’esordiente alla regia Christian Rivers, tratto dalla saga letteraria di successo ideata da Philip Reeve e distribuita in quattro titoli: Macchine Mortali, appunto, del 2001 e poi Freya delle Lande di Ghiaccio (2003), Infernal Devices (2005) e A Darking Plain (2006), questi ultimi due inediti in Italia.

Set fantastici

S’intuisce così che il progetto è di largo respiro, con sequel previsti per il futuro soprattutto se Macchine Mortali farà il boom al botteghino. Ci spera non solo Rivers, ma anche il ben più noto Peter Jackson, che ha scritto la sceneggiatura insieme ai fidi Boyens e Walsh, i “cervelli” dietro ai copioni delle trilogie de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, girate dallo stesso Jackson.

macchineQuest’ultimo pensava di portare su pellicola il libro fin dal 2008 ma poi le buone intenzioni erano naufragate contro le difficoltà. «Non c’erano ancora le condizioni tecniche – spiega – per sviluppare il racconto come lo avevo immaginato. Oggi, invece, grazie alle magie della grafica computerizzata, tutto sembra possibile».

Alla fine, però, Jackson ha passato la macchina da presa a Rivers che, se è vero che qui è al debutto come regista, non è proprio l’ultimo arrivato. Da sempre fa parte del suo staff, dove ha rivestito più mansioni: disegnatore, tecnico degli effetti speciali (ha vinto l’Oscar per King Kong nel 2006) e infine aiuto regista. Ora, con Macchine Mortali, viene promosso sul campo. «Una bella responsabilità – ammette – ma anche un’affascinante sfida. Lamacchine storia è coinvolgente e ha messo tutti alla prova. Sono stati costruiti set fantastici e, al tempo stesso, abbiamo sfruttato al massimo gli effetti digitali: era impossibile realizzare “dal vero” una città lunga un chilometro che si muove sulle ruote».

L'assasinio sventato

In una di queste metropoli, precisamente Londra, “viaggia” il giovane orfano Tom Natsworthy, un apprendista storico che lavora come tuttofare in un museo. Per puro caso, incrocia la sua strada con la coetanea Hester Shaw, che porta sul volto una lunga cicatrice.

Lei vuole uccidere il capo della Corporazione degli Storici, l’inquietante archeologo Thaddeus Valentine, ma Tom sventa l’agguato. Nella concitata fuga, i due precipitano fuori dalla città, nel selvaggio e insidioso Territorio Estremo. Cercheranno un luogo sicuro dove ripararsi, ma non sarà facile trovarlo, anche perché Valentine darà loro la caccia.

Cambiamenti necessari

Costato oltre 100 milioni di dollari, Macchine Mortali presenta un cast privo di stelle, ma con attori dalle carriere già avviate, che qui potrebbero trovare la definitiva consacrazione. È il caso dell’irlandese Robert Sheehan e dell’islandese Hera Hilmar nei rispettivi panni dei due protagonisti. «È un film spettacolare – dice Robert – e non vedo l’ora di vederlo sul grande schermo per meravigliarmi con il pubblico. Ha la stessa anima e visione percepita con Il Signore degli Anelli».

Aggiunge Hera: «Sul set c’è stato molto affiatamento tra tutti, un continuo scambio di idee. Questo ha garantito che ogni scena e personaggio risultassero al meglio».macchine

Rispetto al libro, la trama è stata un po’ modificata. «Era necessario – commenta Rivers – per rendere la storia più cinematografica. È una via di mezzo tra Harry Potter e Mad Max: il film non ricalca l’atmosfera steampunk (genere che mischia la fantascienza con l’epoca vittoriana, ndr) del romanzo, avrà piuttosto un’estetica post-distopica».

Cambiamenti accolti con favore dallo stesso autore della saga, Philip Reeve, che una volta tornato da una visita sul set, ha scritto sul suo blog: «Per la maggior parte assomigliava proprio a come me l’ero immaginato, tranne per le cose che sembrano pure meglio». E se lo dice lui!

©Mondo Erre - Claudio Facchetti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Nilus
Nilus
©AGOSTINO LONGO
Nilus


Gli amici di MondoerreGli Amici di Mondoerre

  

Gli amici di Mondoerre

01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 www.scuola.elledici.org www.igiochidielio.it BimboBell www.oratoriosing.it/ www.associazionemeter.it www.tremendaonline.com www.dimensioni.org www.esemalta.com www.noivicenza.it www.davide.it 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10